La mia esperienza in Sierra Leone

La Sierra Leone non è esattamente la prima meta turistica che viene in mente quando si pensa all’Africa o in generale alle vacanze.

Effettivamente, questo viaggio non rientra nella categoria “viaggi di piacere” anche se è stato sicuramente interessante ed intenso: al posto di andare in vacanza dopo l’intenso periodo invernale, ho preferito completare l’esperienza che avevo iniziato con l’organizzazione del concerto di raccolta fondi per Medici con l’Africa CUAMM ed andare con loro in visita ufficiale alle loro missioni, appunto, in Sierra Leone.

Visita ad un ospedale con Medici con l’Africa CUAMM

PERCHE’ LA SIERRA LEONE?

Su invito di Don Dante, direttore di Medici con l’Africa CUAMM e Nicola Penzo, fundraiser della onlus, abbiamo girato per gli ospedali e cliniche da loro presidiati, per valutare la situazione e l’impatto delle misure da loro prese per il miglioramento delle condizioni del sistema sanitario nazionale sierra leonese.

Insieme al personale locale abbiamo visitato gli ospedali di

– Freetown (capitale): ospedale PCMH, reparto di ostetricia e ginecologia che conta 7000 parti l’anno il doppio di Padova, giusto per dare un’idea.

– Ospedale di Bo

– Ospedale di Pujehun

– Clinica di Matru

– Ospedale di Bonthe

– Ospedale di Makeni

– Missione di Lunsar.

Ho potuto in questa maniera vedere con i miei occhi le condizioni sanitarie della popolazione locale e soprattutto l’importantissimo apporto di Medici con l’Africa CUAMM nella gestione della situazione critica.

In visita all’ospedale PCMH di Freetown, Sierra Leone, con Don Dante di Medici con l’Africa CUAMM

I PROGETTI DI CUAMM IN SIERRA LEONE

I progetti che ho potuto apprezzare in loco sono i seguenti, ed è estremamente riduttivo parlarne in un articolo, poiché vedere con i propri occhi la vastità delle operazioni coinvolte sostituisce qualsiasi tipo di racconto che non riuscirebbe a descrivere l’immane lavoro che c’è dietro. Per questo consiglio a tutti di fare un’esperienza del genere, e valutare in prima persona, senza pregiudizi e filtri di sorta, di cosa si parla quando si citano i problemi dell’Africa subsahariana.

Ecco brevemente i progetti di Medici con l’Africa CUAMM in Sierra Leone:

Prima le mamme e i bambini, per il supporto medico, la cura e prevenzione della malnutrizione di mamme e bambini fino ai 5 anni (servizi a cui accedono gratuitamente)

NEMS: il primo servizio di ambulanze in Africa (il nostro 118), realizzato proprio dal Cuamm in collaborazione con le autorità locali

– inserimento di personale italiano per la formazione di ostetriche, infermieri, dottori, operatori sanitari locali

– attivazione del servizio di banca del sangue (in Africa non si dona il sangue per alcune credenze popolari che si stan man mano eliminando)

laboratorio di analisi dei campioni biologici in collaborazione con la Regione Veneto.

Potete leggere di più sui progetti di Cuamm sul loro sito: www.mediciconlafrica.org.

Qui trovi la mia esperienza nel dettaglio.

Se poi decidete di donare del tempo o del denaro alle loro missioni, sarà tutto molto più bello.

Nei prossimi articoli descriverò più in dettaglio i progetti e ciò che ho vissuto in questa settimana di visita in Sierra Leone insieme allo staff di Medici con l’Africa CUAMM.

Cliccate qui per iscrivervi alla newsletter e ricevere gli aggiornamenti.

Ci vediamo su Instagram o Facebook!

Dettagli del viaggio:
Persone: 4
Giorni: 7
Periodo di viaggio: febbraio 2019
Spesa: media
Tipo di viaggio: visita istituzionale
Mezzi utilizzati: jeep, barca